SCOPRI ERASMUS+

ATTRAVERSO IL PAESAGGIO URBANO:

Itinerari di Lettura Condivisa e Scenari di Trasformazione

POLITECNICO DI MILANO-ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI GALVANI

Si tratta di una occasione unica di crescita e di sviluppo per la nostra scuola, che premia anni di esperienze nel campo dell’internazionalità e ne rafforza la missione e l’apertura interculturale.  Infatti, la nostra scuola ha iniziato ad avvicinarsi al Programma Erasmus+  grazie ad eTwinning, la piattaforma europea che, attraverso il Twin Space, area e spazio di lavoro virtuale, permette alle scuole di collaborare in modo semplice, veloce e sicuro, sfruttando le potenzialità del web.  La partecipazione ad eTwinning ha favorito una prima apertura della nostra scuola alla dimensione comunitaria dell’istruzione e la creazione di un sentimento di cittadinanza europeo condiviso tra gli studenti e gli insegnanti basata sulla progettualità̀ a distanza, sullo scambio e sulla collaborazione in un contesto multiculturale, con numerose opportunità̀ di formazione e riconoscimento di livello internazionale. I benefici sulla motivazione, oltre che sullo sviluppo di competenze, sia per gli studenti che per gli insegnanti coinvolti nel progetto eTwinning è, quindi, stato lo stimolo principale per l’IC “L. Galvani” a voler intraprendere una nuova iniziativa nell’ambito del Programma Erasmus+, porta di accesso a progetti di mobilità internazionale finanziati con l’Azione chiave 1, nell’ottica di una strategia di lungo termine a sostegno della mobilità degli alunni e del personale della scuola per migliorare la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento ed avanzare nel percorso di apertura internazionale europea e di produrre impatti positivi sull’intera comunità̀ scolastica in termini di innovazione e di qualità̀ dell’Offerta Formativa

Nel prossimo settennio saremo impegnati a realizzare tutto quanto indicato nel Piano Erasmus della nostra scuola, permettendo a docenti e studenti di partecipare ad attività di mobilità e formazione presso istituzioni partner europee.

Il processo coinvolgerà il personale scolastico e gli studenti e gli obiettivi, le strategie ed azioni a breve, medio e lungo termine che aderiscono agli Standard di qualità Erasmus si propongono di:

  • migliorare l’implementazione della didattica per competenze mediante la formazione in job shadowing dei docenti di ogni ordine e disciplina;
  • incrementare le competenze didattiche e digitali dei docenti mediante l’acquisizione di metodologie innovative, attive, collaborative per stimolare la partecipazione attiva dei discenti;
  • potenziare il rendimento dei discenti delle Primarie e delle Secondarie introducendo nuove metodologie che favoriscano l’inclusione e differenziazione della didattica;
  • aggiornare le competenze digitali e amministrativo-gestionali del personale ATA per migliorare l’organizzazione scolastica e la comunicazione interna ed esterna della nostra scuola;
  • offrire agli studenti un ventaglio più interessante di opportunità e occasioni di formazione informale e interculturale realizzando mobilità virtuali con le scuole estere ospitanti basate sulle metodologie apprese in mobilità.

Nei prossimi mesi saranno pubblicati i contenuti delle mobilità organizzate dal nostro Istituto.

Il programma Erasumus+ è sicuramente una sfida molto alta ma con impegno e passione sapremo portarla a termine!

Per saperne di più:

Dal 13 al 17 novembre 2023, l’IC Galvani ha accolto un gruppo di 15 studenti accompagnati da due
insegnanti provenienti da Alcudia, Mallorca. Gli alunni sono stati ospitati dalle famiglie di 15 alunni
frequentanti la Scuola Secondaria di I grado dei plessi Fara e San Gregorio.
L’ospitalità da parte delle famiglie ha permesso ai nostri studenti di usufruire di un’occasione unica
per formare, consolidare e approfondire concretamente quelle competenze di cittadinanza e
di conoscenza degli altri, della loro cultura e tradizione.

Durante la settimana, sono state svolte diverse attività extracurricolari, co-progettate con le insegnanti spagnole per gli studenti stranieri e italiani e collegate al tema della conoscenza del territorio. Le foto rappresentano i vari momenti della settimana, dalle prime fasi di conoscenza e scambio di informazioni personali, alle escursioni per la conoscenza di Milano storica e moderna, alle attività didattiche per potenziare le competenze della lingua inglese e sperimentarne l’uso come strumento di comunicazione, conoscenza e condivisione.
Ringraziamo moltissimo le famiglie ospitanti che hanno reso possibile la realizzazione del progetto
permettendo ai loro figli di vivere un’esperienza altamente formativa in un contesto
internazionale.

Le prof.sse  Eva Amoros Serrano e Vittoria Escribano Patricio della scuola Ceuis Luis Vives di Alicante (Spagna) da lunedì 9 fino a venerdì 13 maggio hanno svolto presso le scuole primarie IC Galvani/Casati e  Scuola Secondaria di I grado Fara, un periodo di osservazione di buone pratiche per esplorare le metodologie di formazione, il materiale didattico e gli strumenti adottati dalle nostre insegnanti e acquisire competenze e capacità da riportare nel proprio paese e adottare a loro volta nelle proprie classi.

Il progetto ha rappresentato per entrambe le istituzioni scolastiche coinvolte, quella ospitante e quella ospitata, un’ottima occasione per costruire relazioni, scambiare esperienze e acquisire nuove strategie di insegnamento.

Di seguito il programma delle attività svolte dalle docenti spagnole presso il nostro istituto:

Presentazione delle docenti spagnole sulle attività di jobshadowing

https://edulands.eu/project/inside-and-outside-mapping/

The landscape is a wonderful didactic and educational tool able to narrate ourselves, the change of the seasons, and the rhythms of the day….The landscape is a place where we can play and get in touch with our body and feel part of the planet we live in….then, our classroom becomes a class cell, a vital and open space, where things can happen…

Progetto di innovazione didattica:       EduLANDS for transitions: Exploring collaborative learning tools to connect the school and the landscape è il progetto Erasmus+ di innovazione didattica al quale il nostro Istituto ha aderito in collaborazione con il Politecnico di Milano ( Erasmus+ Cooperation and the exchange of good practices _Strategic partnership)

Il Progetto riguarda un metodo cooperativo per elaborare un pacchetto di strumenti ludico educativi, cosiddetti “giochi seri”, composto da diverse attività intorno al paesaggio di prossimità che sarà co-costruito con gli insegnanti in una prospettiva transdisciplinare. Le tematiche affrontate sono:

  • Il paesaggio ordinario urbano, periurbano e rurale, vita quotidiana, il vicinato (intorno la scuola), con l’obiettivo di condividere una cultura comune intorno a valori.
  • il patrimonio culturale e ambientale che ci circonda per favorire conoscenza dei luoghi, inclusione e rispetto.

Saranno attuati alcuni paradigmi didattici quali:

  • Insegnamento per progetto
  • Apprendimento autentico
  • Rafforzamento del rapporto scuola-territorio
  • Inclusività dell’insegnamento e dei metodi di lavoro.

Il progetto, che prevede la mobilità degli insegnanti, si articolerà nelle seguenti fasi:

  • co-costruzione con scambi online tra ricercatori e insegnanti;
  • osservazione da parte dei ricercatori e degli insegnanti partner di metodologie attive presso le unità partner;
  • scambio di attività ed esperienze tra paesi;
  • scambio di esperienze e pubblicazione on-line del toolbox composto da queste diverse attività.

La partnership si compone, per ciascuno dei tre paesi membri (Spagna, Italia, Austria), di una istituzione universitaria e di una scuola primaria o secondaria di I o II grado, per la realizzazione di uno strumento flessibile unico, adattabile al diverso contesto/livello scolastico, al diverso programma nazionale e alla diversa disciplina prevalente/principale. Partners del progetto sono:

  • Per la Spagna:
  • University of Murcia, Spagna.
  • Asociación educación para el desarrollo sostenible, Murcia, Spagna.
  • Highschool Poeta Julián Andúgar, Murcia, Spagna.
  • Quatronaranjos, active school

Per l’Italia

  • Politecnico di Milano, Italia.
  • Istituto Comprensivo Luigi Galvani, Milano, Italia.

Per l’Austria

  • Universität Angewandte Kunst Wien DAE, Vienna, Austria.
  • Oikodrom-Forum Nachhaltige Stadt, Verein fur Neue Stadtebaukultur, Vienna, Austria.
  • MS Koppstraße 110 Schule 2, Vienna, Austria.

Quattro strumenti didattici innovativi saranno sperimentati in diversi contesti scolastici come di seguito riportato:

  • Italia: Politecnico di Milano: gioco di ruolo sulle controversie nel paesaggio come patrimonio storico e risorsa ambientale.
  • Austria: Oikodrom: “expanded garden” sul tema della produzione alimentare, semi, biodiversità, cucina, co-progettazione dell’orto scolastico
  • Spagna: Universidad de Murcia: costruzione di un film, discussione sul fiume e connessione intergenerazionale sul tema dell’evoluzione storica e delle scienze della terra.

Le Prof.sse del Politecnico di Milano, Paola Branduini e Camilla Casonato, insieme alle docenti, Giuseppina Iuliano e Fortunata Crea (in rappresentanza dell’IC Galvani) e alle altre università e scuole partners, hanno partecipato alla prima mobilità docenti transnazionale del progetto Erasmus+ tenutasi in Murcia (Spagna), dal 25 al 29 aprile 2022.

L’intero gruppo è subito entrato in sintonia e sinergia, e lavorare insieme è stato stimolante, appagante ed anche divertente. L’obiettivo principale della mobilità era quello di introdurre metodologie didattiche innovative, avviare le attività in previsione delle prossime mobilità e, soprattutto, approfondire le tematiche legate alla lettura del paesaggio. Dopo la sessione di benvenuto organizzata dall’Università di Murcia, presso l’Edificio Rectorado La Convalecencia e la presentazione delle scuole partners, sono stati tenuti numerosi workshops di approfondimento, quali:

  • Search for a common language: Mapping the group, the project, talking & visualizing together things conceptually important for eduLANDS.
  • Landscape: definition and implications on didactic & education.
  • Search for a common language: eduLANDS for transitions: collaborative tools to connect the school with the landscape.
  • From intentions to project: methodological bases, practical questions: La memoria de un río (Murcia), Expanded Garden (Vienna) Role game for landscape interpretation ( Milan), Huerta Bizarra (Murcia)
  • Mapping the School INSIDE / OUTSIDE

È stata un’esperienza proficua sotto il profilo professionale e relazionale: la dimostrazione dell’importanza a largo respiro dell’Erasmus +, progetto atto a realizzare una dialettica positiva fra le diverse culture basata sulla reciproca conoscenza e sul confronto di tematiche di interesse comune e fondamentali per garantire il futuro degli studenti di tutta Europa.

Questa incredibile esperienza non finisce qui!

Infatti, la Spagna è stata solo la prima di tre tappe che in due anni renderanno più cosmopolita la nostra scuola.

Il prossimo autunno 2022, Milano sarà la seconda destinazione della mobilità …STAY TUNED!

Ricomincia un nuovo anno scolastico e con esso riparte il nostro progetto biennale Erasmus “EduLANDS for Transitions”. Mentre ci prepariamo ad accogliere gli insegnanti e i docenti universitari partners del progetto, in mobilità a Milano dal 14 al 18 novembre, gli studenti delle classi 2B e 3B della scuola secondaria di I grado Fara, diventano attori attivi della “pilot experience” condotta dalle Prof.sse Iuliano e Crea.  

La presentazione dei contenuti del progetto è avvenuta attraverso l’attività di warming up MAPPING OURSELVES. 

È stata utilizzata la struttura cooperativa Think, Pair and Share: una struttura cooperativa aperta e flessibile che presuppone punti di vista eterogenei e possibili risposte diverse. 

Per questa attività si è scelto un setting diverso dalla classe, uno spazio libero come il cortile della scuola dove gli studenti muovendosi, hanno ascoltato la musica, e sono stati guidati a riflettere, a sentire le loro emozioni, a rielaborare i loro vissuti, e collegarli al loro “paesaggio interiore”. 

Infine, hanno dato forma al loro “inner landscape” manipolando l’argilla e poi lo hanno raccontato all’interno dei gruppi di lavoro. 

Abilità sociali coinvolte

  • Ascolto attivo;
  • Rispetto delle opinioni altrui;
  • Team building;
  • Condivisione.

Lingue veicolari del progetto: Inglese.

Dear mappers, 

if we want to exchange ideas about our city,

 explaining what works out and what doesn’t,

 how we wish it would change and what we wish would never change, 

the first step to take is to observe well 

how the surrounding space is made and how we feel inside it.

Drawing together a map is a way to know 

the space in which we live and communicate our 

feelings and ideas to our schoolmates, teachers, 

parents and to the other citizens and people who take decisions. 

A map is an open space…

it’s a tool that helps to know and communicate! 

Il 20 ottobre, le Pof.sse Arch. Paola Branduini e Camilla Casonato del Politecnico di Milano hanno incontrato gli alunni delle classi 2B e 3B. Le esperte hanno fornito spiegazioni dettagliate relative alle mappe e alla legenda da loro realizzate. Successivamente gli studenti, accompagnati dalle Prof.sse Iuliano, Crea, La Camera, Soccio e dalle esperte del PoliMi, come veri “mappatori”, sono usciti divisi in gruppi, alla scoperta dell’ambiente che circonda la loro scuola e, in particolare, hanno osservato, individuandone gli elementi caratterizzanti, il percorso da scuola fino alla Libreria degli Alberi.

Durante l’attività i disegnatori, i fotografi e gli scrittori, all’interno di ciascun gruppo di lavoro,  hanno raccolto dati e informazioni significativi sulla mappa e sulla legenda predisposte dalle Prof.sse del PoliMi.

14 NOVEMBRE 2022: LE SCUOLE PARTNER SI INCONTRANO PRESSO L’ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI GALVANI.

17 NOVEMBRE 2022: LE SCUOLE PARTNER INCONTRANO I NOSTRI ALUNNI

Inoltre, collegata a questa progettazione vi è l’esperienza condotta dalla Prof.ssa Paola Branduini del PoliMi alle Marcite del Parco Lambro di Milano, con gli studenti di tutte le classi seconde della scuola secondaria di I grado Fara/San Gregorio. Il progetto aveva previsto nell’A.S 2020/21 una lezione online a classi riunite sul valore storico, culturale e ambientale delle marcite; nell’AS 2021/22 si è invece svolta l’uscita didattica, volta alla conoscenza di un paesaggio “vicino a casa”, raggiungibile con i mezzi pubblici, considerato un patrimonio storico identitario dell’agricoltura milanese e che offre un’alta biodiversità floristica e faunistica. Qui i ragazzi hanno svolto un’attività pratica di manutenzione del paesaggio, ovvero pulizia dalla terra e regolazione dell’acqua dei manufatti idraulici e raccolta dei rifiuti nei canali. In particolare, le Prof.sse Giuseppina Iuliano e Fortunata Crea hanno voluto approfondire all’interno della classe 2B del plesso Fara il concetto di paesaggio e sperimentare una nuova metodologia didattica cooperativa (Jigsaw).

REPORT UFFICIALE DELLA PILOT EXPERIENCE EDULANDS ( seconda mobilità a Milano)

MARZO 2023 – MOBILITA’ A VIENNA